Tukultubitru | CARTWORKS
7613
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-7613,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-3.3,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12.1,vc_responsive
 

CARTWORKS

…figures in a tended landscape

USA, Florida, Naples. 2008 – 2009. 26° 15’ 21.21”N,  81° 47’ 8.34”O. Pelican Marsh. Golf course all’interno di un gated condo. Immagini Hubble Telescope NASA. Lavoratori immigrati e giocatori ormai stanziali in Florida. Visti come conquistatori dallo spazio. Campo di gioco: lavoro e divertimento.
Poco dopo l’alba i cart iniziano a muoversi. Persone e mezzi lavorano ogni mattina nel campo da golf. Il terreno su cui si muovono è esteticamente e tecnicamente curato. Il nitore con cui gli americani definiscono paesaggisticamente alcuni punti del loro vasto territorio è naturalmente legato all’affermazione dell’essere. Esiste qualcosa di più meccanico? Di più meccanicamente integrato nell’essere? È inverno, sull’erba tracciati di pneumatici rivelano la rugiada.

RAPIDAMENTE IL SOLE SI ALZA E SCALDA TUTTO

I cart si muovono a ondate: tagliano, rasano, soffiano, fertilizzano e rifiniscono fra ronzio di motori elettrici e insonorizzazione di motori a scoppio. I lavoratori sono in divisa azzurro e blu. Presto i cart dei giocatori colorati invadono. Gli altri si ritirano. Il paesaggio è frequentato da questi due popoli e vietato a chiunque altro. Li ho osservati e fotografati per due anni. Sempre dallo stesso punto al secondo piano di un gated condo, da un balcone racchiuso in una rete anti-mosquitos. La macchina fotografica reagisce alla fitta rete con immagini distorte: una certa eco nei contorni, stelle sui riflessi, bagliori sui bianchi…
Il punto di vista leggermente elevato rende il tutto un gioco di omini e macchinine in un paesaggio curato. Un plastico. Lavoratori e golfisti giocano la stessa partita. Brandiscono curiose, cavalleresche, impossibili armi. Gli effetti di luce che la rete anti-mosquitos aggiunge, la gestualità ripetitiva, così chimico-fisica dei loro movimenti fermati nel naturale silenzio della fotografia, la direzione del loro sguardo, sempre persa altrove, me li hanno fatti vedere nello spazio più vasto in cui il gioco di omini e macchinine si realizza: lo sfondo stellare di questo tutto.

Cartworks
…figures in a tended landscape

 

50 pagine copertina inclusa
formato 216×356 orizzontale
2008 – 2009

 

caratteristiche tecniche dello stampato qui (scorrendo a fondo pagina)